Elenco Tornei
Storico MSP C7
Storico ALANtornei
InterAziendale 2017/18
Dati Torneo
 Riepilogo
 Calendario
 Classifica
 Marcatori
 Disciplina
 Squadre
 Qualificate
 Comunicati
 Il Punto
 Regolamento e Formula
 Campi
 Premiazioni
 Statistiche
 Best Player
 Area Riservata
Informazioni
 Chi Siamo
 Contattaci
 In caso d'infortunio
 Arbitri MSP
 Smartphone
 Convenzioni
 Modelli Vari
Cerca
MARACANA' INTERAZIENDALE 2017/18 CRONACA
Giornata Data Ora Campo Squadre Ris. Opzioni
Girone A
1a giornata

       
VEN 27/10/2017 19:00 DonBosco-A  AdE
Caruso Mario
Amodio Gioacchino
-  A-DEV
Atzori Marco
Cassitta Andrea
Piras Fabrizio
4 - 3
Apri in PDF     
CRONACA DELLA PARTITA - [649 view]
Laura
27/10/2017
21:25

6.005 batt.

Successo in zona Cesarini per ADE

A-Dev può ripartire dall’ottima prestazione

 

Alla fine la spunta ADE, brava a crederci nonostante un doppio svantaggio e a chiudere i conti con cinismo. A-Dev non deve rimproverarsi nulla, se non un po’ di ingenuità, la partita è stata equilibrata e il pareggio sarebbe stato giusto ma si sa, nel calcio la scaltrezza spesso paga. La fase di studio iniziale è fatta di contrasti in mezzo al campo per conquistare la palla, con ADE abile a velocizzare il gioco sfruttando maggiormente le fasce. A-Dev aspetta e sorniona attende l’abbassamento avversario per spingere in ripartenza e passa in vantaggio. Con l’avanzamento degli amaranto le compagini si accorciano, scendono in blocco e regna l’equilibrio nel possesso e nelle sortite che porta al pareggio a fine primo tempo. La ripresa è da subito più veloce e pimpante, le squadre accelerano e mettono in campo più idee e inventiva alla ricerca del gol che possa cambiare l’andamento del match. Sono invece proprio le due reti di A-Dev ad accendere ADE che trae dallo svantaggio gli stimoli giusti e i 15 minuti finali dell’incontro vedono sia gli amaranto che gli azzurri allungarsi, meno accorti in difesa perché costantemente protesi in avanti, regalando occasioni e gol. Di seguito la cronaca essenziale dell’incontro diretto dal signor Marogna. 
 
Primo tempo:
- all’8°, Pinna mette in mezzo per Barabino che dal limite, di prima, mira la porta ma Magnanenzi spedisce in angolo.
- al 13°, Imperatore lotta sulla trequarti e poi riesce a far partire un rasoterra con il destro, Ena respinge con i piedi.
- al 14°, ghiotto lancio lungo per Piras che anticipa un avversario cercando con un pallonetto di scavalcare il portiere ma Magnanenzi è bravo a non farsi ingannare e ribatte.
- al 20°, traversone dalla destra di Amodio per l’inserimento sul primo palo di Caruso che con un destro all’angolino spedisce in rete. 1 a 0
- al 25°, grande azione di Piras che si accentra sulla trequarti e fa partire un tiro centrale ma potente quanto basta per insaccarsi. 1 a 1
 
Secondo tempo:
- al 1°, ripartenza veloce amaranto, destro di Piras in corsa verso il secondo palo che viene sfiorato da Magnanenzi, colpisce la traversa e termina in calcio d’angolo.
- al 3°, cross dalla destra di Manzi per Licheri che dal limite in posizione centrale carica e scarica, Ena in scivolata manda in angolo.
- al 6°, rasoterra centrale insidioso di Atzori, velo di Piras che distrae il tanto giusto il portiere e la sfera entra in porta. 1 a 2
- al 7°, grande azione di Piras, si accentra saltando due uomini, botta potente e grande risposta di Magnanenzi.
- al 13°, Sirigu mette in mezzo dalla destra, svetta Cassitta che di testa spedisce sotto l’incrocio. 1 a 3
- al 14°, bella azione personale di Caruso che poi scarica il destro in corsa e beffa il portiere avversario. 2 a 3
- al 15°, Imperatore allarga sulla destra per Amodio, il suo tiro a giro dal vertice alto dell’area fa la barba al secondo palo.
- al 18°, ancora un assist di Imperatore per Caruso che con un tiro potente e preciso trafigge la porta avversaria. 3 a 3
- a 20°, Caruso dalla trequarti con la punta del piede sinistro, Ena si distende e spedisce in angolo.
- al 25°, punizione dalla grande distanza battuta da Imperatore, Ena respinge ma nulla può sul tapin vincente di Amodio verso l’incrocio. 4 a 3 
 
Gli interpreti:
A-DEV: scendono in campo con Ena tra i pali, Pinna, Locci e Dessì in difesa, Atzori davanti alla difesa, Garau D. che spazia e Barabino in attacco. I cambi e le rotazioni ne mutano spesso modulo e posizioni. Tiene bene la linea difensiva, coadiuvata dal centrocampo, con Locci che chiude con sicurezza. Dessì e Pinna partono col freno a mano, poi avanzano notevolmente non tralasciando la fase di ripiego, mostrando buon senso della posizione. Atzori autore di una marcatura ma soprattutto gran lottatore, conquista spesso palla e riparte in velocità. Garau D. si muove in orizzontale ma lo si vede per lo più sulla fascia destra dove lotta, avanza e salta l’uomo. Barabino è la “boa” davanti, non dà riferimenti agli avversari e soprattutto li pressa in avvio. L’ingresso di Piras dà velocità e profondità alla manovra, sigla una gran rete, mette un importante zampino sulla seconda e suona spesso la carica senza parlare, ma con azioni di potenza. Bene anche Sirigu e Cassitta, confezionano un gol e dialogando con Piras per rendere più fluida la manovra.
 
ADE: schierata inizialmente con Magnanenzi in porta, Floris, Chessa e Manzi sulla linea difensiva, Imperatore in regia, Licheri dietro la punta avanzata Cocco. Anche per loro, i cambi e le rotazioni ne mutano spesso modulo e posizioni. Ottima la prova dell’estremo difensore, subisce tre reti ma garantisce interventi importanti e determinanti, dando sicurezza ai compagni. Chessa risolve con sicurezza, spesso in anticipo. Manzi e Floris sono molto alti all’inizio e spingono, poi arretrano e difendono quando gli avversari sollevano il baricentro. Buona la prova di Amodio, serve l’assist per il primo gol e segna quello della vittoria, in mezzo tanta quantità e qualità al servizio della squadra. Imperatore è un faro, dà ordine e gestisce il gioco, servendo un’infinità di palloni ghiotti. Mette lo zampino sulla rete che determina il risultato.
 
Best player: il suo ingresso in campo a partita iniziata dà profondità al gioco di ADE. Concreto e spietato, Caruso è bravo a realizzare quasi tutte le occasioni che gli capitano. Una tripletta all’esordio per far capire che lui c’è. 

©2016-2019 Alberto Tiddia - Riproduzione vietata.